Recensione Xiaomi Pocophone F1 6/128GB

Xiaomi Pocophone F1

Finalmente abbiamo avuto modo di provare il primi smartphone del nuovo brand nato da Xiaomi, parliamo di Pocophone e del suono primo smartphone lo Xiaomi Pocophone F1, nel nostro caso in versione 6/128GB.

Disponibile all’acquisto su Amazon.

FOLLOW ME | Continuate a seguirmi su Telegram per contenuti esclusivi, e sui profili Instagram e Facebook.

Scheda tecnica

PESO 180 gr
DIMENSIONI 155.7 x 75.5 x 8.8  mm
SISTEMA OPERATIVO Android 9.0 | MIUI 10
MEMORIA INTERNA da 64gb
DISPLAY 5.18″ 1080 x 2246 pixel IPS
FOTOCAMERA 12 mpx F1.9 | Frontale 20 mpx
PROCESSORE Qualcomm Snapdragon 845 SDM845
RAM 6gb
BATTERIA 4000mAh

Confezione

La confezione è diversa a livello grafico da come siamo abituati con gli smartphone Xiaomi, questo proprio per fa distinguere il marchio Pocophone. Abbiamo una prevalenza dei colori giallo/nero, mentre negli smartphone Xiaomi abbiamo di solito una scatola arancione.

All’interno troviamo:

  • Xiaomi Pocophone F1
  • Cover omaggio
  • Caricatore con cavo type C (18watt)
  • Manuali vari

Mancano purtroppo gli auricolari, ma ormai ci siamo abituati con Xiaomi.

Design e materiali

Nella parte posteriore abbiamo la back cover in policarbonato, molto semplice. Si sarebbe potuto fare qualcosa in più a livello grafico per renderlo “accattivante”.

Belle le due fotocamere in colonna con il bordo rosso, affiancate dal flash. Sotto le due fotocamere troviamo il sensore di impronte digitali (molto veloce).

Nella parte anteriore troviamo in alto il notch (abbastanza grande) ed in basso il sensore di notifiche bianco.

Da segnalare nel notch la presenza degli infrarossi per lo sblocco con il volto, sono in pochi ad averlo.

Le dimensioni sono abbastanza grandi ed in mano il peso si sente (come anche il Mix 2S), inoltre non è impermeabile.

Hardware

Qui abbiamo il top dei top attualmente sul mercato con lo Snapdragon 845, affiancato da 6GB RAM ed una memoria che parte da 64GB, con a livello GPU una Adreno 630.

Abbiamo poi anche la versione 128GB (quella in nostro possesso) ed una versione in Kevlar da 8GB di Ram e 256GB di memoria.

La memoria interna è velocissima ed è di tipo UFS 2.1, le RAM sono invece LPDDR4X.

A livello di connettività anche qui hardware top (o quasi) con LTE fino a 1024 Mbps, Wi-Fi ac dual band, Bluetooth 5.0 e radio FM, mancano gli infrarossi (da non confondere con quelli per lo sblocco con il volto). La pecca sta nel modulo LTE che è di tipo CAT 13, quindi inferiore rispetto a Mix 2S o Mi 8.

Manca il chip NFC (quindi niente Google Pay) e porta tipo C in versione 2.0 che non supporta l’uscita video.

Da segnalare l’heat pipe per il raffreddamento a liquido ed gli infrarossi frontali per lo sblocco con il volto velocissimo!

In questo periodo bisogna sottolinearlo ma il Pocophone F1 ha il jack 3.5mm.

Fotocamera

In questo caso la fotocamera non è da top di gamma, ma si posiziona nella media.

Da segnalare la possibilità di installare la Google Camera, che porta leggeri miglioramenti soprattutto con poca luce.

In condizioni di luce buona le foto non sono male, ma non da top, ci viene incontro l’HDR in questo caso.

Con luce scarsa invece le foto tendono ad essere rumorose e poco definite.

La doppia fotocamera permette di effettuare la modalità ritratto, anche se non perfetta.

A livello video si comporta bene, anche se manca la stabilizzazione ottica.

Display

Il display è un FULLHD + IPS che sta bene su un medio gamma, non di più.

Non è paragonabile con i top di gamma, viste le differenze con i colori ed i neri che si hanno salendo di livello.

Nell’utilizzo comune che ne abbiamo fatto non è male, funziona bene anche la luminosità automatica.

Da segnalare che i bordi del display sono “rotondi” solo a livello software e questo crea alcuni problemi con le app se lo utilizziamo in modalità full screen. Ad esempio su Whatsapp vengono tagliati i bordi inferiori (probabilmente verrà risolto a livello software).

Software

Il Pocophone F1 è stato da poco aggiornato a MIUI 10 basata su Android 9.0, dimostrando ancora una volta la velocità di aggiornamenti di Xiaomi.

Ci sono ancora piccoli bug come le notifiche “invisibili” nella barra affianco al notch, per vederle dobbiamo tirare giù la tendina. In attesa di una soluzione via software.

Per il resto è la classica MIUI con launcher diverso (che trovo più bello ed elegante) e menù impostazioni leggermente cambiato.

Se volete provare il POCO LAUNCHER lo trovate sul PlayStore.

Usabilità ed autonomia

Nel complesso si è comportato molto bene nel nostro periodo di utilizzo, zero lag e veloce nel multitasking. Nulla dire a livello di prestazioni, top.

Autonomia superiore a molti smartphone grazie ai 4000mAh di batteria che ci garantiscono oltre le 6h30min di schermo accesso.

Nella parte finale del grafico (dove finisce la barra del wifi) abbiamo testato il Pocophone F1 con connessione dati attiva, luminosità al massimo e vari giochi. Uno stress test superato a pieni voti.

Conclusioni

Uno smartphone con prestazioni da top di gamma, che manca però in alcune caratteristiche (display ad esempio) e in alcuni dettagli (niente NFC). Rimane un best buy per chi spendendo poco vuole puntare alle prestazioni!

POCOPHONE F1

8.5

DESIGN E MATERIALI

7.5/10

HARDWARE

9.0/10

USABILITÀ

8.0/10

AUTONOMIA

9.0/10

QUALITÀ PREZZO

9.0/10

Pros

  • PRESTAZIONI
  • AUTONOMIA
  • PREZZO

Cons

  • DISPLAY
  • MATERIALI
  • FOTOCAMERA