Recensione Samsung Galaxy Buds auricolari true wireless

Finalmente abbiamo avuto modo di testare le Samsung Galaxy Buds (in collaborazione con AKG), l’evoluzione delle Icon-X, che sfidano Apple nel mondo sempre più in evoluzione degli auricolari true wireless dove ormai il file è solo un lontano ricordo!

Link acquisto -> Disponibili in 3 colorazioni differenti su Amazon.

Non perderti brevi video ed unboxing sui prodotti che recensiamo, li trovi sul nostro profilo Instagram

Confezione

Nella confezione delle Samsung Galaxy Buds troviamo:

  • Base di ricarica
  • Galaxy Buds
  • Cavo USB C
  • Gommini di ricambio
  • Wingtip (le alette che si applicano per avere maggiore aderenza sull’orecchio)

Caratteristiche

Le Samsung Galaxy Buds presentano come standard di connettività il bluetooth 5.0 a bassa latenza e sono certificate IPX2, questa certificazione garantisce la funzionalità degli auricolari sotto gocce d’acqua ma non dalla pioggia (in quel caso si parla di IPX3), da Samsung ci si poteva aspettare qualcosa in più.

Consideriamo però che le Apple Airpods non hanno nessun tipo di certificazione.

A livello di materiali si sente subito al tatto che sono di ottima qualità, sia gli auricolari che il case. La chiusura del case è molto rigida e non rischia di aprirsi o chiudersi in maniera difettosa.

Proprio quest’ultimo si dimostra molto compatto e facilmente trasportabile in tasca, le dimensioni ridotte però gli consentono di prolungare la vita delle Buds di solamente 7 ore. Gli auricolari invece hanno una autonomia di circa 6 ore a volume medio, sommate alle 7 ore del case abbiamo una autonomia totale di 13 ore.

Da segnalare anche la possibilità di ricarica wireless della base, questa funzione farà felice i possessori di S10 che potranno ricaricare le Buds direttamente con lo smartphone grazie all’ultima funzione inserita nella serie Galaxy!

Le cuffiette presentano all’esterno un pannello touch che offre varie funzioni, personalizzabili dall’app Galaxy Wearable e sono:

  • Tap singolo:  Play / Pausa
  • Tap doppio:  Traccia successiva
  • Tap triplo: Traccia precedente
  • Tap prolungato (sinistra): Suono ambientale rapido con app Galaxy Wearable mentre su iOS attiva Siri
  • Tap prolungato (destra): Richiama assistente intelligente (sia Android che iOS)
Leggi anche...
Recensione ANKER Caricatore Type C con Power Delivery 30W

L’applicazione permette inoltre di sfruttare un equalizzatore con vari profili predefiniti, controllare lo stato della batteria delle singole cuffie (ma non del case) e svariate altre funzioni. Ecco alcuni screenshot di come si presenta:

Nella terza immagine potete notare il pop-up che appare appena apriamo il case delle Buds, connettendosi subito allo smartphone.

Il software delle Galaxy Buds ha introdotto due funzioni interessanti, parliamo del suono ambientale rapido e del suono ambientale. Il primo permette ti abbassare temporaneamente il volume (tenendo premuto sulle cuffie) così da poter sentire meglio i suoni esterni, magari per parlare con qualcuno, mentre la seconda funzione permette di ascoltare nelle cuffie i suoni catturati dal microfono così da dare priorità ai suoni esterni rispetto alla musica.

Ultima caratteristica da segnalare è il software aggiornabile delle Galaxy Buds, così come gli smartphone essi hanno un software che viene tenuto aggiornato da Samsung per aggiungere nuove funzioni e risolvere piccoli problemi.

Prova d’uso

Vediamo adesso nella nostra prova come si sono comportate e gli aspetti positivi / negativi di queste Galaxy Buds.

Partiamo subito dal suono, il punto di forza di queste Buds soprattutto su Android grazie all’app Galaxy Wearable che permette di scegliere tra svariati profili di equalizzazione. Il suono è sempre pulito e ben bilanciato, andando poi a cambiare tra i vari preset troverete quello che si adatta meglio al vostro ”orecchio”. Personalmente trovo il preset dinamico ottimo in quanto aggiunge quel poco di bassi in più all’audio, ma non va a coprire gli altri suoni come invece accade se andiamo ad aumentare troppo i bassi.

Leggi anche...
Recensione AUKEY Supporto smartphone con ventosa per auto

A livello di ergonomia sono fisse all’orecchio, anche grazie alle wingtip, delle piccole alette pre-applicate (ma rimovibili), che fissano le Buds senza creare il minimo movimento. Correndo, saltando o facendo movimenti bruschi non si schiodano dall’orecchio!

L’autonomia rispecchia pienamente quella dichiarata da Samsung, a volume non troppo alto siamo riusciti a completare un viaggio di circa 7 ore ed avevamo ancora il 30% di carica sulle Galaxy Buds, un risultato molto sorprendente per degli auricolari.

Ottima la connettività con il bluetooth 5.0, nessun problema di disconnessione e l’accoppiamento è immediato appena apriamo il case.
Il bluetooth 5.0 copre molto anche come distanza dal telefono, rimangono connesse senza interferenza fino a circa 10/12 metri di distanza in casa e all’esterno senza muri di mezzo anche più di 10mt (testato su Samsung Galaxy S10 con bluetooth 5.0).

I difetti non sono molti e abbiamo quasi fatto fatica a trovarne:

  • Microfono (solo in parte, per il resto è top)
    Utilizzandole in bici e con un po’ di vento il suono risulta leggermente disturbato mentre utilizzandole a piedi e senza vento riesce ad isolare tutti i rumori esterni
  • Batteria del case
    Un vero peccato non poter sapere lo stato di carica del case direttamente dallo smartphone sarebbe stata una chicca in più e avrebbe pareggiato un’altra caratteristica delle AirPods
  • Impermeabilità
    Certificazione solamente IPX2

Conclusioni

Samsung con le Galaxy Buds ha realizzato probabilmente i migliori auricolari true wireless sul mercato (insieme alle Airpods), il prezzo non è accessibile a tutti ma se cercate la qualità senza fili allora sono gli auricolari giusti!

Samsung Galaxy Buds

8.8

MATERIALI

9.0/10

CONNETTIVITÀ

9.0/10

USABILITÀ

9.0/10

AUTONOMIA

9.0/10

QUALITÀ PREZZO

8.0/10

Pros

  • ERGONOMIA
  • AUTONOMIA
  • SOFTWARE
  • SUONO

Cons

  • PREZZO
  • IMPERMEABILITÀ SOLO IPX2